Stump!

di annixedda

Stump!

Sentì lei dal salotto. La casa era grande, e solitaria in quei mesi estivi. Andò in cucina a vedere se dalla porta a vetri si vedesse qualcosa. Tutto tranquillo, anche dalle altre finestre il grande giardino sembrava quieto come doveva essere. Le luci dei lampioni tremolavano arancioni, colorando più che rischiarando il buio intorno alla casa.

Stump!

Sentì lei di nuovo. Salì le scale, nell’oscurità fintanto che la luce bianca si accendeva. Al piano di sopra il buio e il silenzio erano perfino più intensi, finché la luce non si accese del tutto e il parquet non scricchiolò sotto i suoi piedi.

Dalla sua camera guardò verso la strada. Come al solito, oltre la recinzione le foglie si agitavano con un leggero fruscio. Era l’ora dei gatti: dormivano tutto il giorno, poi, giunta la sera ed il fresco, si aggiravano tra l’erba alta, incontrastati padroni del proprio territorio.

Stump!

Non poteva esserselo immaginato. Con cautela, aprì la porta del bagno e…

(e, per oggi, leggete il post su Vita di Pi. Buonanotte!)

Annunci