I ricordi sono una bella storia

di annixedda

“Quanto ci piaceva ballare, a me e a babbo. Mi portava sempre, alle feste, sai quante volte ce ne andavamo in questi posti, e ballavamo… E’ così che ci eravamo conosciuti. Io sapevo già ballare, a sette-otto anni, come una grande. Perché c’erano i comunisti che facevano le feste, per guadagnare un po’ di soldi, in quei saloni grandi grandi. E io sapevo ballare.

E c’era Zia, quella Piccola, che mi portava, per quello mi lasciavano andare, che ero già signorinetta. Lei non ballava, stava a guardare, ma le piaceva.

E si stava bene, erano altri tempi, si andava a ballare con babbo. Ma oggi chi mi porta? Oggi, le feste, le guardo in tv.”

 

Se potete chiedere un regalo ad una persona importante, fatele raccontare una storia, una storia di lei che non conoscete, che nemmeno immaginate.

Se volete fare un regalo ad una persona importante, la storia non chiedetela: siate pronti ed ascoltatela.

Annunci